storie che senza voce non si possono raccontare

Canile di Bragadiru, Romania: ancora soppressioni

Un silenzio che purtroppo e’ piu’ eloquente di qualsiasi parola.
Abbiamo appreso la notizia  a seguito della nostra ultima visita in Romania, appena conclusa.

Il canile di Bragadiru ora e’ vuoto

Ennesimo episodio di violenze contro attivisti rumeni e tedeschi si e’ compiuto il 15 luglio scorso:
http://www.exposing-aspa.com/dog-catchers-attacked-romanian-and-german-activists-damaging-their-car.html
sei accalappiacani dipendenti dell’ ASPA (l’organo preposto per la gestione del randagismo) capitanati da Razvan Bancescu, hanno aggredito e danneggiato l’auto di alcuni attivisti.
Bancescu, direttore di ASPA,  era gia’ tristemente noto per aver fatto irruzione all’interno di due canili privati lo scorso marzo, prelevando circa 90 cani ed uccidendone 4 a seguito dei metodi brutali ed estremamente violenti con cui hanno agito gli accalappiacani

Preoccupante il numero di cani di proprieta’ sottratti all’interno di abitazioni private.
Intanto, altri fondi verranno stanziati per dare  inizio ad una nuova mattanza
Disarmante che venga tollerato, autorizzato e protetto un abuso di potere tale da generare tanta violenza da parte di un Paese membro della Comunita’ Europea.

 

 

 

 

 

 

 

 

ULTIME NEWS


© 2014 LAMENTO RUMENTO ONLUS - Tutti i diritti riservati